Archivi tag: tralicci

Tralicci a Ferragosto

Vi erano un po’ mancati, vero?!
Così, per festeggiare la vigilia di Ferragosto io e mio marito siamo andati qui:
4043
Seguendo le nuvole e i tralicci, siamo approdati in questo luogo che costeggia l’autostrada, e tra foto e sguardi, abbiamo visto scendere il tramonto.
Quanta bellezza anche in una periferia urbana un po’ desolata, tra campi verdi sotto la luce radente del sole, tralicci svettanti e maestosi, cieli aperti verso le montagne.
Tornando poi a casa, nelle luci sempre più scure della sera, tutto ciò che scorreva sotto i nostri occhi continuava ad essere bellissimo. Come le corde simpatiche di un liuto, eravamo in risonanza con la bellezza.

Ecoo qui qualche traliccio… Altri, domani.

On the road

Quanto mi piace fotografare dall’auto in movimento! Alla gioia di guardare un pezzo di mondo inquadrato in un’immagine si aggiunge la gioia un po’ infantile di guardare dal finestrino i paesaggi che scorrono via veloci. Bellissimo!
Ovviamente non ero io alla guida 😉
Comincio a postare qualche foto. Ovviamente, anche dei miei amati tralicci.
Intanto questa musica accompagnava la cavalcata dell’autostrada.

Tralicci all’alba

C’è chi la mattina mette la sveglia presto per andare a correre al parco. Io invece l’ho messa per andare a fotografare i miei amati tralicci, alla luce del sole nascente.
Mi si son ghiacciate le mani, ma ne è valsa la pena.
Mi sono concessa il lusso di prendermi del tempo per me, di stare nell’aria fredda che amo tanto, di guardare cose ordinarie in una luce che donava bellezza. Ecco, questa è felicità.
Stamane ho iniziato la giornata sentendomi felice.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tralicci e lampioni (zen)

Ed ecco qui qualche foto di tralicci e di lampioni, su gentile richiesta di Mr. Inc.
Spero siano abbastanza zen. Io li trovo belli nella loro essenzialità.
Oggi pioveva, sicché i tralicci sono sgocciolanti. Non sono una novità, ne avevo già fotografati altri così. Ma in fondo, perché poi dovrebbe essere importante o di valore solo il nuovo, il mai visto prima?
Ha valore rinnovare lo sguardo sulle stesse cose. Tornarci e ritornarci cogliendo lampi e sfumature diverse, o andando più a fondo dello stesso sguardo.
È bello, ha valore.
Altrimenti, come potremmo amare la stessa persona per anni? Come potremmo vivere il quotidiano?
Certo, non ci parla proprio tutti i giorni, a volte annoia, stanca (il quotidiano, intendo… Ma anche il marito, la moglie). Però poi arriva lo sguardo che ridà vita, rianima.
Oggi camminavo sotto la pioggia leggera ed ero felice: guardavo e ogni cosa aveva una sua sfumatura di bellezza.
Oggi il quotidiano luccicava, nel grigio, sotto la pioggia.
Vorrei poter donare un po’ di quella luce a chi non riesce a vederla.
Comunque ci provo. Qui nel blog, nel mio lavoro, nella mia vita.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Questo slideshow richiede JavaScript.