Archivi tag: Ted talks

Forgiare un senso

“Da studente delle avversità mi ha sempre colpito vedere come alcune persone poste di fronte a sfide eccezionali sembrano trarne forza, e dalla saggezza popolare ho sentito dire che questo ha a che fare con la ricerca di un senso. E a lungo, ho pensato che il senso fosse lì, in ogni grande verità, in attesa di essere trovato.
Ma col tempo, sono giunto alla conclusione che la verità è irrilevante. Noi la chiamiamo la ricerca di senso ma sarebbe meglio parlare di forgiare un senso.”
Così comincia l’ultima Ted Talk di Andrew Solomon, dal titolo: “I momenti peggiori della nostra vita forgiano la nostra identità”.
Mi piace questa riflessione e la condivido. Non credo che esista un senso a priori, insito nel nostro destino. Procediamo nelle nostre vite un passo alla volta e la strada la facciamo camminando.
Mi piace l’espressione “forgiare un senso”. Dà valore a ciò che riusciamo a fare delle nostre vite, delle nostre esperienze.
Nelle fucine infuocate dalla vita diamo forma alle nostre ricchezze, prendiamo materiali informi e lavorandoli li trasformiamo in perle di consapevolezza, distillati di coscienza, gioielli preziosi di verità personali. A volte le perle sono deformate, i distillati nocivi, i gioielli paccottiglia. Vanno gettati nuovamente nella fornace per ulteriori trasformazioni, o tenuti da parte, per serbare memoria di percorsi da non ripercorrere.

“Noi lavoriamo con mani tremanti
a costruirti, Dio, pietra su pietra.
Ma chi potrà condurti a compimento,
o Cattedrale?”
Rilke, Il libro d’ore

Penso al dio interiore, quello spazio spirituale che costruiamo in noi.

E ancora una volta torna il pensiero alle già citate parole di Lou Salomé, in una lettera a Rilke: “Dentro è come se tu fossi diventato un pezzetto di terra, dove tutto ciò che cade, sia pure il frammento più piccolo, la cosa peggio riuscita, sozzura o rifiuto, deve trasformarsi uniformemente in nutrimento per il seme che vi è piantato. E allora poco importa se da principio sembra un mucchio di spazzatura rovesciata sull’anima: tutto diventerà terra, diventerà te.”

Il senso dell’irreversibile

Quando la sera sono stanca e non riesco né a leggere né a scrivere, ho un asso nella manica: le Ted Talks. Vago tra i titoli finché non ne trovo uno che mi ispira, poi mi metto comoda e ascolto. Anzi, dato,il mio pessimo inglese, leggo i sottotitoli mentre ascolto.
Stasera sono capitata su questa:
http://www.ted.com/talks/kathryn_schulz_don_t_regret_regret?utm_source=email&source=email&utm_medium=social&utm_campaign=ios-share

Mi è tornato in mente il mio primo rimpianto. Avrò avuto cinque o sei anni. Un giorno, non ricordo assolutamente perché, presi una biro e scarabocchiai il volto di una bambola. Pensavo che gli scarabocchi sarebbero andati via, e invece non fu così. Piansi. Avrei voluto tornare indietro, riavere la mia bambola di prima. Impossibile. Il danno era fatto, incancellabile.
Avevo fatto la mia prima esperienza consapevole di irreversibilità. Me la ricordo ancora adesso.
Nella vita attraversiamo tante esperienze in cui il senso di irreversibilità ci provoca dolore, rabbia, disperazione. Eppure, sono quelle che danno forma alla nostra vita.
I segni non si cancellano. Possiamo solo provare a integrarli in un disegno, in una forma. Non quella che avremmo voluto, ma quella che c’è, possibile.
Ho imparato ad amare la realtà. E la trovo più ricca e sorprendente dei sogni.

Nuvoloso con possibile felicità

Devo alla mia amica Donatella l’incontro con questa Ted talk.
Vi consiglio di prendervi dieci minuti di tempo per ascoltarla, e seguire i pensieri leggeri e profondi che troverete.
“Ogni tanto vivere con la testa fra le nuvole aiuta a tenere i piedi per terra.”

http://www.ted.com/talks/gavin_pretor_pinney_cloudy_with_a_chance_of_joy.html

Ubuntu

Sabato mattina grigio e piovoso, umore in sintonia. Avevo anche diverse cose da fare, e il senso del dovere si stava già organizzando. Poi mi sono fermata. No, così non va bene. Ho davanti un tempo prezioso, libero, e ho bisogno di fare qualcosa per me, di prendermi cura, di ri-centrarmi.
Divano, IPad, e una Ted talk che mi ispira. Già sto meglio. Il mio cervello si mette in movimento, prendo appunti, fluiscono riflessioni. Ne ascolto un’altra, e un’altra ancora. Ora sto bene, e vado in cucina a preparare con cura il pranzo.
E mentre lavo la verdura e metto a cuocere un profumatissimo riso Venere, penso a quanto sono potenti le idee testimoniate da persone che le trasmettono credendoci. Perché le Ted talks questo sono: “ideas worth spreading”. Idee di valore che vanno nel mondo, e stimolano, contagiano; e nel loro essere diffuse e condivise creano a loro volta valore, entusiasmo.
Ecco, entusiasmo. Ascoltare una Ted talk ha su di me un effetto antidepressivo immediato: mi fa stare subito meglio. E ho capito perché: sono tutte propositive, raccontano di valori, testimoniano percorsi possibili. In un clima di pessimismo generale, di telegiornali e giornali che portano solo brutte notizie, che se non parlano di pessima politica parlano di violenze e omicidi, qualcuno che mi dice con entusiasmo, credendoci: guarda questo percorso, è possibile, si può fare, questa è la mia storia e la condivido con voi… Ecco, questo mi fa stare bene, mette energia nella mia vita, mi risolleva l’animo e porta fuori la voglia di fare. E poi faccio davvero. Mi muovo, concretamente e psicologicamente.
Mi è sempre più chiaro che dai contagi emotivi negativi dobbiamo cercare di proteggerci, nei limiti del possibile. E ognuno deve capire cosa gli fa male, il che non è banale, né così scontato.
L’argomento è complesso, e non parlo dello star bene o male, dell’essere felice o sofferente, ma di cosa fa bene e cosa male alla nostra mente, al corpo, allo spirito.
Spesso ci facciamo del male pensando di farci del bene.
E a complicare le cose, c’è anche il fatto che ciò che ci nutre in un tempo, può rivelarsi tossico in un altro.
Possiamo solo imparare ad ascoltarci, affinare sempre di più le percezioni del nostro mondo interiore e rifletterci su.
Oggi si parla tanto di benessere fisico, dall’alimentazione all’attività sportiva; c’è un’attenzione spesso esasperata per questi aspetti. E in realtà si parla tanto anche di benessere psicologico, trattato però come più o meno semplici ricette per la felicità. Il risultato di tutto questo gran parlare, però, non mi sembra che produca poi un gran benessere reale, e soprattutto non porta equilibrio. Vedo più frequentemente persone che oscillano tra estremi di divano e di palestra, diete maniacali e abbuffate notturne, corsi di yoga e crisi di nervi, cassette del contadino e 4 salti in padella acquistati al volo al supermercato sotto casa dieci minuti prima della chiusura. Slanci verso il benessere totale e immancabili capitomboli e ribaltoni, con relativi sensi di colpa e frustrazioni.
Io oggi cerco equilibrio, e nutrimenti sani per il mio benessere psicologico. Perché credo che un individuo sano promuova salute intorno a sé.
Boyd Varty, nella sua Ted talk dal titolo “What I learned from Mandela”, parla di un termine africano “ubuntu”, che significa “io sono grazie a te”. Non siamo quello che siamo senza le altre persone.
Dunque, ciò che ciascuno porta nella vita influisce sulle vite degli altri. Siamo interconnessi, e non solo perché abbiamo internet. Così, per me stessa e per chi incontro nella mia vita, cerco di essere attenta. Cerco un buon nutrimento per me, cerco di coltivare il mio benessere psicologico. E condivido, pensando che possa essere buon nutrimento per qualcun altro, anche solo come spunto per muovere altri passi in altre direzioni.
Siamo interconnessi: per questo ciascuno di noi ha la responsabilità di cosa immette nel mondo. E non discuto i contenuti, ma la consapevolezza. L’essere affrettati, incuranti, sciatti, intellettualmente e spiritualmente non fa bene. Mettiamo cura, impegno gentile, consapevolezza, attenzione in ciò che facciamo; riflettiamo sul senso del nostro fare o non fare.
Siamo interconnessi. Ubuntu.

Qui, in compagnia dei miei libri…

Qui, in compagnia dei miei libri e di questo Ipad mi sento in viaggio. Letture, testimonianze di persone, Ted talks: sono compagni che incontro mentre cammino. Ascolto ciò che raccontano del loro viaggio, confronto riflessioni, tesori preziosi che portano con sé e scambiano, condividendoli.
Sono in compagnia, e non sono sola. Sento tutti questi viaggiatori con me, e mi danno energia, coraggio, mi trasmettono la loro forza, e quella forza muove la mia. E insieme andiamo.
L’avventura di questo viaggio sulla Terra è meravigliosa. Sì, certo, a volte terribile. Ma ora vivo l’intensità del sentirmi nel flusso. Intorno a me libri che raccolgono il distillato di studi, sforzi, riflessioni, intuizioni di chi li ha scritti; lì, in quelle pagine, ci sono le loro storie. Non scaffali inerti ma vite pulsanti, cristallizzate in parole scritte che si distaccano e vanno nel mondo, a raggiungere altre vite. Lì, sui ripiani, stanno individui che raccontano… E quando siedo qui sul divano e guardo le librerie di fronte a me, i libri sul tavolino, ecco… non sono sola. Mi sento sostenuta dalle loro testimonianze.
E mentre il pane lievita e la lavatrice lava io sto qui tra tanti compagni di viaggio, immersa nel quotidiano della mia vita e nel flusso della vita che tutti include e accompagna. Profumo di lievito sulle mani, rumore di lavatrice, silenzio interiore, sorriso dell’anima, slancio dello spirito: domenica mattina.