Perché scrivere? (3)

Mi piacciono le storie. Storie che mi raccontano un possibile dispiegamento nel mondo, una forma unica e preziosa.

Guardo le vite delle persone che incontro come guardo i paesaggi che attraverso: è vita che si dispiega nella meraviglia e nel dolore.

Non sono credente e penso che tutto finisca con noi. È un pensiero che mi quieta: un fiore è bello e ne godiamo, poi sfiorisce e ne nascerà un altro. Così noi. Che però, a differenza di tutte le altre forme di vita, lasciamo tracce consapevoli del nostro passaggio.

Alcune rimangono nei secoli, altre scompaiono.

Ma è comunque con stupore e meraviglia che accolgo e faccio vivere in me le storie che ho incontrato, gli sguardi che mi hanno accompagnata.

“Ma perché essere qui è molto, e perché sembra

che tutte le cose di qui abbian bisogno di noi, queste

effimere

che stranamente ci sollecitano. Di noi, i più effimeri.

Ogni cosa

una volta, una volta soltanto. Una volta e non più.

E anche noi

una volta. Mai più. Ma quest’essere

stati una volta, anche una volta sola,

quest’essere stati terreni pare irrevocabile.”

Rilke, Nona elegia duinese

Quest’essere stati una volta: meraviglia e terrore.

Gli sguardi sulla vita sono i miei tentativi di tenere l’equilibrio tra terrore e meraviglia, sotto cieli sempre stupefacenti.

6 pensieri su “Perché scrivere? (3)

  1. swannmatassa

    Mi piace molto questo tuo chiedere e chiederti insistente “perché scrivere?”, eppure finisce che non condivido nessuna delle risposte che proponi. Sono stato ancorato per anni all’idea della scrittura come firma, come segno lasciato del nostro passaggio, ma l’ho abbandonata da tempo, progressivamente convincendomi che è un confondere il mezzo e lo scopo. E più metto la firma su opere scritte (ma di natura scientifica, non letteraria) e più mi accorgo che sono lontano dall’idea di partenza. Così ho ricominciato a scrivere, senza sapere più perché lo faccio, e continuando a chiedermelo, e continuando a farlo – per ora solo per capirci qualcosa. Ché quello forse sì, lo fa, la scrittura: rivela.

    Mi piace

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Sono d’accordo: la scrittura rivela. Spesso scrivo perché mi aiuta a riflettere, a elaborare momenti vissuti. Scrivendo capisco meglio. In questo senso io penso alla scrittura come un lasciare tracce. Tracce che sono storie, sguardi, pensieri, che mi piace condividere, ascoltando e dialogando con le tracce altrui. Non mi interessa che il mio passaggio nella vita sia ricordato, non scrivo per questo. Cerco di esprimere e di far vivere ciò che sono. Ognuno di noi dà testimonianza di vita, e le testimonianze si parlano e si ascoltano: che poi ciò avvenga tra amici, in un blog, o sul lavoro, non cambia il senso.
      Ciao!
      Chiara

      Mi piace

      Rispondi
  2. liù

    Sono stata credente fino ai 50 anni ( sono del 1953) ,ma da circa 10 anni non credo fermamente più,credo che tutto nasca e muoia con noi .
    Lo strano è che vivo in con un marito e due figli che credono fermamente .
    Ciao
    liù

    Mi piace

    Rispondi
      1. liù

        E’ stato un percorso mio tutto interiore che mi ha portata a farmi domande su domande e pian piano mi son convinta che non esiste nessun essere superiore e misericordioso .
        credo che la religione sia la più grande truffa da che è iniziato il mondo.

        Mi piace

        Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...