Il senso della vita, per me

Ho ripreso le mie camminate in città, unica attività sportiva che cerco di praticare, seppur con molta irregolarità. Musica nelle orecchie, passo veloce e pensieri che scorrono liberamente. Ammetto che l’umore ne guadagna, e pure il corso dei pensieri.
In questo periodo ritorna spesso il tema del senso della vita, e ieri mi si è riaffacciata alla mente una frase letta tanti anni fa in un libro di Castaneda: “Tutte le strade sono uguali; non portano da nessuna parte. Sono strade che passano attraverso la boscaglia o che vanno nella boscaglia. Nella mia vita posso dire di aver percorso strade lunghe, molto lunghe, ma io non sono da nessuna parte. La domanda del mio benefattore ha adesso un significato. Questa strada ha un cuore? Se lo ha la strada è buona. Se non lo ha, non serve a niente. Entrambe le strade non portano da nessuna parte: ma una ha un cuore e l’altra no. Una porta a un viaggio lieto; finché la segui sei una sola cosa con essa. L’altra ti farà maledire la tua vita. Una ti rende forte; l’altra ti indebolisce.”
Per come la sento io, seguire il sentiero che ha un cuore non ha a che fare con le sole emozioni, ma con l’integrazione di più aspetti di sé, compresi quelli cognitivi e spirituali.
Ci sono tanti momenti in cui la vita sembra una corsa priva di significato, in cui le parole del replicante di Blade Runner risuonano così tragicamente vere: “… e tutti questi momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.”
Ne ho scritto anche qui.
Poi però accade che, continuando a camminare sul sentiero che sento mio, tornando a sentire il contatto con quel sentiero, la vita riprende a scorrere in tutte le sue sfumature.
E stanno insieme la gioia di vivere e l’angoscia della morte, compagni inseparabili e dialoganti.
Stanno insieme speranze e paure, delusioni e ripartenze, allegrie e tristezze. Stanno davvero insieme, convivono in equilibri dinamici dove è impossibile cacciar via l’uno o l’altro.
Il mio sentiero è fatto di affetti, di relazioni, anche nel lavoro.
Lì sento il senso della mia vita: quando sono in relazione sto bene, sento di camminare su un sentiero che mi dà energia e benessere.
E sono in relazione anche quando sono sola, perché in tanti momenti più meditativi -per esempio quando cammino ascoltando la musica e guardando la vita che scorre- tutte le persone che amo sono con me, mi fanno compagnia, fanno sentire ricca la mia vita.
Lì sento che la mia vita ha senso. E anche se la mia vita è una formica che zampetta nell’universo, che non sarà più nulla quando smetterà di zampettare, quella vita è piena di significato per me, qui e ora.
“La vita di un uomo è un soffio… come quella delle farfalle che vivono un solo giorno, che importanza può avere se muoiono alle 4 o alle 6 del pomeriggio… l’unica cosa importante è se erano belle e se qualcuno ha potuto godere della loro bellezza.” (S.Bartoccioni, “Dall’altra parte”)
Faccio quel che posso per coltivare la bellezza delle mie ali. E cerco di condividerla. In breve, questo è il senso della mia vita, questo il mio sentiero che ha un cuore.

27 pensieri su “Il senso della vita, per me

  1. Pingback: SABATOBLOGGER 53 – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

  2. TADS

    “E stanno insieme la gioia di vivere e l’angoscia della morte, compagni inseparabili e dialoganti.
    Stanno insieme speranze e paure, delusioni e ripartenze, allegrie e tristezze. Stanno davvero insieme, convivono in equilibri dinamici dove è impossibile cacciar via l’uno o l’altro.
    Il mio sentiero è fatto di affetti, di relazioni, anche nel lavoro.”

    ti ho messo il like per questo passaggio, secondo me bellissimo e profondo nella sua apparente semplicità

    Liked by 1 persona

    Rispondi
  3. massimolegnani

    tu sai la mia passione per la bicicletta ed è attraverso questa che mi sembra di comprendere nell’intimo le tue parole e quelle di Castaneda. Le pedalate, come i passi, sono solo un mezzo per trovare una strada che si concilii con il tuo essere, ti faccia ritrovare te stesso e gli altri. Le strade non portano da nessuna parte, è vero, ma alcune ti accompagnano, hanno curve che corrispondono alle pieghe del tuo animo e rettilinei che sono frecce al cuore.
    ml

    Liked by 1 persona

    Rispondi
  4. pj

    Impegnativo questo tema del senso della vita. Ha molte sfaccettature e mille incognite, anche se alla fine sono convinto anch’io che le risposte non possono che essere semplici, perché ogni vita segue schemi semplici.
    Il fatto è che il percorso nella boscaglia non fa mai vedere bene dove si è veramente, e solo cuore e intuito possono aiutare a trovare la propria strada. E il tuo sentiero sembra quello buono.
    Poi c’è sempre anche quella spinta importante dentro tutti noi, quella che il protagonista del film che hai citato, un po’ prima, riporta veemente: “Voglio più vita!”
    Senso della vita e desideri per la vita sono i fratellini che ci accompagnano sempre nel nostro percorso.

    Liked by 2 people

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Si, hai ragione… sono fratelli in continuo dialogo e a volte in lotta…
      È un tema complesso, ma oggi mi sento quieta e centrata, e da qui la complessità dà tregua e disegna forme più chiare… sono momenti che ridanno forza al cammino… 🙂

      Liked by 2 people

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...