Strade d’agosto (prima parte) : passanti

Oggi sono felice.
Da un po’ cercavo nuovi sguardi attraverso l’obiettivo. Non nuovi in assoluto, ovviamente. Nuovi per me.
Oggi ho camminato un po’ per strade deserte: strade quotidiane, che conosco bene. L’aria fresca -quasi non ho sudato!- mi sono lasciata guidare dalla vista, da quel modo di guardare che a volte accade, e ti fa scoprire le cose note in una luce diversa. Divento io stessa un po’ pellicola impressionabile da luci e forme, obiettivo che si apre o si stringe, che sposta il fuoco da molto vicino a molto lontano, e incontra quel che incontra, senza averlo cercato.
Sono momenti preziosi in cui il quotidiano vive, canta, danza.
Poi ho fatto anche le foto, ma l’esperienza più bella è interiore.

Cosa nuova per me, qui trovate delle persone. Sto a distanza, perché mi imbarazza ancora andare vicino…E poi, quello che mi colpisce, non sono tanto le persone in se stesse, ma l’attimo di vita che mostrano.

6 pensieri su “Strade d’agosto (prima parte) : passanti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...