Dare parola

“Sono proprio depresso.” Inizia così una conversazione che finirà poi per portarci in lande molto diverse da quelle inizialmente dichiarate. Il fatto è che la parola depressione è spesso così abusata che ha finito per perdere il suo reale significato: dietro quell’affermazione, vivono stati d’animo molto diversi. E, per l’appunto, stati d’animo, non sintomi di malattia, quale è la depressione.
È invece molto importante riuscire a dare nomi più precisi alle nostre emozioni: essere tristi non è come essere sconfortati. Essere malinconici, nostalgici, afflitti, demoralizzati, infelici, oppressi, avviliti, non è la stessa cosa. Raccontano sfumature diverse.
Non è solo una questione semantica. E’ come noi ci raccontiamo la nostra storia. E’ come sappiamo rappresentarci le sfumature dei nostri vissuti. Fa molta differenza vedere un’immagine dai toni netti o la stessa con le diverse tonalità e gradazioni, anche solo di bianco e nero.
Ecco, quella diversità cambia profondamente i nostri stessi vissuti e il significato che diamo loro.
Dirci che siamo depressi appiattisce l’immagine. Non aggiunge informazioni. Rimaniamo al buio, indifferenziato, senza contorni che costruiscano confini e forme. È un racconto pressoché muto.
Bisogna allora affinare la percezione, l’ascolto.
Parole: malumore, mestizia, scontentezza, angoscia, amarezza, abbattimento, delusione, costernazione, dolore, pesantezza, disperazione, grevità, dispiacere, disillusione, noia, tedio, inquietudine, rammarico, rincrescimento, tormento…
La sfumatura dà senso a ciò che vivo. Mi aiuta a capire, a definire, e ciò facendo, trasforma lo stesso stato d’animo. Quando ho trovato le parole giuste, queste diventano sentiero: linea che scorre e traccia il percorso.
Appiattire il linguaggio appiattisce la nostra storia. Arricchirlo, arricchisce la nostra vita.

16 pensieri su “Dare parola

  1. ogginientedinuovo

    Un post significativo, per me e per un’amica a cui l’ho subito fatto leggere! Uno dei tuoi post-pietra angolare 🙂
    Riuscire a raccontarsi il proprio vissuto in modo preciso, usando le parole corrette, è fondamentale per tenere la barra dritta e lo hai detto in modo chiaro e semplice, ed ora nella mia mente sembra che sia sempre stato ovvio!
    Un abbraccio 🙂

    Rispondi
  2. HappyAladdin

    Sull’importanza del linguaggio è sempre importante concentrarsi, per molte e diverse ragioni, tutte connesse con il fatto che il lessico, da mezzo descrittivo, diventa definizione, e dalla definizione alla gabbia il confine è labile. È così per le emozioni come per i ruoli di genere. Ti ringrazio per lo spunto.

    Rispondi
  3. La il@

    Verissimo. In alcuni percorsi di psicoterapia la definizione delle emozioni e dei sentimenti è un elemento importante. Non si tratta solo di inflazione o di improprio utilizzo dei termini. Si tratta, come tu sottolinei, di un lavoro di messa a fuoco, di presa di coscienza più definita, che permette di affrontare in maniera diversa e più proficua la situazione. Grazie! 😉

    Rispondi
  4. leparoledinessuno

    Concordo pienamente ! Usare una terminologia corretta o semplicemente spiegare con parole semplici ciò che accade, è fondamentale. Depressione, Ansia e patologie similari, molte volte sono lontane da quello che in realtà stiamo vivendo.

    Rispondi
  5. lacantatricecalva

    Usare un termine come depressione ci rende simili a tanti altri “depressi” e ci giustifica nel non voler cercare la ragione del nostro malessere. Omologati in tutto, senza voglia di guardare oltre … molto triste.
    Bellissimo post.

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...