Mai mi sarei aspettato

image image

C’è una frase che mi sento ripetere più o meno tutti i giorni: “non mi sarei mai aspettato/a di vivere questo”.
La vita, nel bene e nel male, giunge in forme inattese. Spesso, non gradite.
E il vissuto con cui mi confronto quotidianamente è proprio quello del sentirsi imprigionati in condizioni non volute.
Per questo penso spesso alle statue dei Prigioni di Michelangelo, di cui ho già scritto più di una volta. Quelle immagini continuano a parlarmi della fatica di ogni vita, di quanto siamo imprigionati in materia che ci trattiene e ci toglie libertà. Da lì, strade diverse sono possibili, dal rimanere fermi al cercare -in vari modi e tempi- di andare oltre il limite, di limare la linea di confine.
Lo scolpire di Michelangelo dava forma togliendo: metafora di vita.
Quanta fatica, quanta pena, quanto lavoro…
Quando si sentono i vincoli della pietra che imprigiona le nostre vite, le nostre potenzialità, o i colpi dello scalpello che sbaglia e rovina qualcosa di finito o che sembrava tale, è difficile reggere l’urto.
Ha da passà ‘a nuttata. E sembra non passare mai.
Lavoro per aiutare le persone a cercare gli strumenti utili per vivere quelle lunghe notti dell’anima. E magari, per far sì che da quelle notti riescano a tirare fuori qualcosa di significativo.
E lavoro per me, per le mie notti dell’anima.
Ciò che riusciamo a fare di quelle notti è l’opera della nostra vita.

10 pensieri su “Mai mi sarei aspettato

  1. unazzurrocielo

    puoi immaginare che io mi sia chiesto “perchè proprio a me è capitato” , mi sono arrabbiata per questo e un pò arrabbiata lo sono ancora , però sto facendo il percorso per ritrovare un equilibrio in questa mia nuova vita che cerco di ricostruire
    un abbraccio
    Annamaria

    Mi piace

    Rispondi
  2. ogginientedinuovo

    I Prigioni sono la metafora più aderente che esista: ci si sente soli e intrappolati, impotenti. Non è facile attraversare quelle notti. L’aiuto che tu dai è quello dello scultore che toglie un po’ di pietra alla volta. E’ molto bello.
    Ciò che riusciamo a fare di quelle notti è l’opera della nostra vita. Questo è ancora più bello 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  3. corvobianco213

    Mi è piaciuto molto questo post, è profondo e scritto molto bene.
    Però mi ha lasciato una domanda stupida… sopportami…
    Perchè i pensieri più profondi li facciamo la sera o comunque la notte?
    Magari tu lo sai…

    Mi piace

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      più che pensieri profondi, di notte facilmente arrivano pensieri cupi, preoccupati, spaventati. E la notte dell’anima è una metafora che si riferisce proprio a una condizione di buio interiore.
      Le riflessioni più profonde arrivano quando arrivano… Forse più spesso nel silenzio, nella quiete del fermarsi…

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...