Primo settembre

Lunedì, inizio settimana. E pure inizio mese. Settembre, praticamente il vero inizio d’anno.
Stamane, al suono della sveglia, si sono presentati –tutti insieme e, soprattutto, non richiesti- tutti gli impegni e le questioni aperte da qui a Natale.
Quel che si dice un buon risveglio, accidenti.
C’è di buono che una volta vestita e affacciata al mondo reale, sorseggiando un buon caffè dopo una piacevole colazione, la salita con panorama Everest da scalare si era di molto ridimensionata, e l’agenda si era ritirata al 1^ settembre, assolutamente affrontabile.
Certo che anche il cielo, stamattina, ha dato il suo contributo curioso: sprazzi di azzurro limpido e terso da una parte, e dall’altra nuvole grigie, appena coprenti, con tanto di nebbiolina: paesaggio tipicamente autunnale. Settembre e ottobre si guardavano da un lato all’altro della strada. Anche il cielo oggi rispecchiava stati d’animo contrastanti.
Poi, aggiungiamo pure la città che si sta ripopolando. Dopo un mese di quiete, in cui pensi quanto sarebbe bello che la città fosse sempre così, tornare a vedere il traffico, la via di casa con tutti i parcheggi occupati, fa un po’ effetto invasione. Passerà. Mi riabituerò. La fatica è più nel passaggio, poi si riprende il passo, si rompe il fiato, e si va.
E ora che questa prima giornata di settembre si avvia alla conclusione, posso godermi il piacere di essere a settembre, uno dei mesi che più amo. Stasera, nella quiete, i progetti non mostrano più solo il volto dell’ansia ma anche il fermento, l’interesse, la voglia di fare, di sentirsi in movimento.
La quiete agostana, seppur lavorativa, ha ceduto il passo ai cammini autunnali, più impegnativi e stimolanti. E va bene così.

19 pensieri su “Primo settembre

  1. giacani

    Come scrivevo su altri lidi, questo lunedì primo settembre, con l’Italia in deflazione, la mia squadra del cuore che ha perso, l’idea che mancano 125 giorni alle prossime ferie mi faceva venire in mente la vecchia scena di Frankenstein Junior….could be worse. How? Could be raining!” E di fatti su Roma si è scatenato un nubifragio di proporzioni bibliche. Va be’, lasciam perdere va! E diciamo meno 124!

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Messa così, il conto alla rovescia è un po’ lunghetto! 😉
      Comunque, spero che a Roma ci sia il cielo che c’è oggi a Milano: bellissimo, azzurro senza una nuvola… E poi, carpe diem! 🙂

      Rispondi
        1. sguardiepercorsi Autore articolo

          No… A regime, metto la sveglia alle 6… Altrimenti dormirei altre due ore… No, Mi riferivo all’insonnia e a quei bei ripetuti risvegli verso le 4-5 del mattino che ogni tanto capitano… 🙂

          Rispondi
  2. LauraP.

    Oggi ho ripreso il lavoro e stasera sono troppo stanca per riuscire a mettere insieme tre frasi che facciano un degno commento a questo bel post… 😦 scusa Chiara, ti dico solo una cosa: stamattina tu ed io eravamo in piena sintonia e anche il mio cielo con il tuo! 🙂

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Confesso. Da pedone, ho parecchio da dire anche sulle biciclette. Il mio ideale sarebbero i mezzi pubblici efficienti. Dopodiché vado al lavoro in auto, perché con i mezzi raddoppio i tempi….

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...