Si fa presto a dire realtà

Forse tutti ci siamo lanciati in qualche speculazione filosofica sulla realtà. Magari -davanti a un bel tramonto- ci sarà scappata la fatidica domanda: “ma i colori che vedo io, saranno esattamente quelli che vedi tu?”
Poi, però, nella vita quotidiana, diamo per scontato che la realtà sia condivisa, e che tutti ne facciamo la stessa esperienza: il rosso è rosso, se stiamo guardando la stessa scena vediamo le stesse cose, la cioccolata è cioccolata. Può essere che non ti piaccia (evento raro) ma rimane cioccolata.
La questione, però, è più complessa.
La percezione della realtà non è così oggettiva, ma è continuamente interpretata dal nostro cervello.
Mike May divenne cieco all’età di tre anni a causa di un’esplosione. A quarantatré un intervento gli ridiede la vista. Quando gli tolsero le bende ciò che vide non era ciò che lui e tutti gli altri si aspettavano: era un’esplosione di forme e colori senza senso. I suoi occhi vedevano benissimo, ma il suo cervello non era ancora in grado di decifrare tutti quegli input: doveva imparare a vedere.
Il fatto è che il nostro cervello interpreta i dati in modo attivo, non è un passivo recettore.
Noi percepiamo quel che ci dice il cervello.

illusioni-ottiche-1

illusioni-ottiche4

La nostra esperienza percettiva ci dice che stiamo vedendo forme in movimento, anche se sappiamo che il movimento non c’è.
(Se non riuscite a vedere il movimento, cliccate sull’immagine per ingrandirla).

Altri esempi:
95b0gestalt

Qui il cervello rimane spiazzato e passa da un’interpretazione a un’altra: volti o vaso, suonatore di sax o volto…

images2
images3

Anche qui accadono cose curiose: un triangolo bianco che non c’è ma che vediamo… linee lunghe uguali che ci sembrano invece diverse…

Il fatto è che quando guardiamo entrano in gioco le nostre aspettative, le nostre esperienze del mondo, le domande e le risposte che abbiamo in testa e attraverso le quali osserviamo la realtà, e tutto questo influisce sulla nostra percezione.

“…la prima lezione da apprendere sull’opportunità di fidarsi dei propri sensi è quindi di non fidarsene. Il mero fatto che crediate che una cosa sia vera, il mero fatto che sappiate che è vera, non significa che lo sia davvero. (…)
Dopotutto, siamo consapevoli di ben poco di quanto c’è “là fuori”. Il cervello formula assunti per risparmiare tempo e risorse, e cerca di vedere il mondo solo nella misura in cui gli occorre vederlo.” David Eagleman, In incognito

“…si riscontrano nella popolazione leggere differenze nella funzione cerebrale e a volte queste si traducono direttamente in maniere diverse di esperire il mondo; e ciascun individuo crede che la sua maniera sia la realtàibidem (il grassetto è mio)

Un esempio: la sinestesia. Ci sono persone che sentono il gusto di un colore, vedono un suono, sentono al tatto una musica. La sinestesia è una fusione di distinte percezioni sensoriali.
“La sinestesia è il risultato di un aumentato dialogo tra aree sensoriali del cervello (immaginatevi, sulla mappa cerebrale, delle nazioni vicine con confini permeabili), e questo dialogo deriva da minime variazioni genetiche che vengono trasmesse di padre in figlio. Pensate: variazioni microscopiche del cablaggio cerebrale conducono a realtà differenti.”
La sinestesia ci ricorda “come ciascun cervello determini in maniera unica ciò che percepisce o è capace di percepire. (…)
La realtà è molto più soggettiva di quanto non si ritenga comunemente: anziché essere registrata passivamente, è attivamente costruita dal cervello.”
Ibidem

images5 stranezze

Vediamo tramonti diversi, con differenti stati emotivi che arrivano da lunghe e diverse storie personali. La cosa sorprendente è che tutte queste differenze non ci impediscono di sentire insieme, di emozionarci insieme, di dialogare e, addirittura, di capirci.
Non smetterò mai di stupirmi di tanta meravigliosa complessità.

P.S. I contributi fotografici sono presi da internet, gironzolando un po’ tra le immagini di effetti ottici proposte da Google.

16 pensieri su “Si fa presto a dire realtà

  1. LauraP.

    Bello e molto interessante questo post! Talvolta, discutendo con le colleghe, io mi rendo conto che ognuno ha il suo modo di interpretare le cose e che non esiste una realtà oggettiva, perciò non me la prendo mai se gli altri non concordano col mio punto di vista e mi sforzo solo di capire e mediare con il loro. Purtroppo però la maggior parte delle altre persone pensa di essere detentrice di verità assolute e non è quasi mai disposta a provare a guardare da un’altra angolatura… Dovrei far leggere loro i tuoi post! 😉

    Rispondi
  2. Mist. Loto

    Anche a me è capitato di farmi domande sul modo in cui recepiamo la realtà ma poi non ho mai approfondito; molto bello il tuo post è quello che ci voleva per avere le idee un po’ più chiare. 🙂

    Un saluto

    Rispondi
  3. ogginientedinuovo

    Tra il serio e il faceto, se il sig. Eagleman, a me!, toglie la certezza dei fatti esperiti con i sensi, mi manda al manicomio 😉 poi altro che funghi allucinogeni mi servono…
    Alla fine, dunque, tutto è sempre un magma in divenire da interpretare, anche inconsapevolmente? Signùr! M’hai dato un bel pensiero per il week end 🙂

    Rispondi
  4. Ma Bohème

    Quante poesie si basano sulle sinestesie! Esiste una ricchissima letteratura al riguardo e ogni autore ha la propria personale percezione di una medesima sensazione.
    Grazie per questa analisi molto interessante.
    Primula

    Rispondi
  5. Antonio Tomarchio

    Noi siamo il nostro cervello. La nostra personalità, il modo di vedere la vita, il nostro comportamento, tutto dipende da come funziona il nostro cervello e da come gli ormoni e le sostanze endogene lo influenzano. Bastano piccoli difetti o malfunzionamenti di questa macchina perfetta per dare una visione distorta della realtà, per farci vedere o sentire cose che non esistono. La prova di come la realtà possa essere cambiata agendo sul cervello è data dalle droghe, bastano infatti pochi milligrammi di sostanze stupefacenti per creare delle allucinazioni e delle visioni assolutamente irreali. Rassegnamoci quindi, se abbiamo un carattere piuttosto che un altro, dipende solo dal funzionamento del nostro cervello che possiamo modificare con le sostanze giuste (pensate agli antidepressivi per esempio) o condizionare con l’educazione e il retaggio della nostra civiltà.

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Vero… Io preferisco meravigliarmi anziché rassegnarmi. Ma è pur sempre il mio cervello che funziona così, unito a come l’ho usato e alle esperienze fatte… 🙂
      E abbiamo margini di lavoro su noi stessi… 🙂

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...