Janet

A cent’anni dalla pubblicazione originale esce, tradotto per la prima volta in italiano, l’intervento di Janet al Congresso internazionale di medicina tenutosi a Londra l’8 agosto 1913.
L’edizione è curata e introdotta da Maurilio Orbecchi, medico-psicoterapeuta, che conosco da molti anni, nei confronti del quale ho affetto e stima.
Leggere questo libro mi fa dunque molto piacere, per due sostanziali motivi: uno affettivo, e l’altro per i contenuti espressi. E mi ha fatto anche piacere che sia stato ottimamente recensito sugli organi di informazione.
Perché Janet?
La storia di Janet è la storia di un vinto che aveva ragione, uscito tuttavia perdente dallo scontro con Freud.
Nella prefazione Maurilio Orbecchi spiega molto chiaramente, e in modo accessibile anche ai non addetti ai lavori, perché la psicoanalisi di Freud abbia vinto sulla teoria janetiana, e come quest’ultima sia stata riscoperta dopo anni di silenzio.
Una considerazione molto suggestiva di Ellenberger, autore de “La scoperta dell’inconscio. Storia della psichiatria dinamica”, esprime la situazione di trascuratezza in cui si trovava Janet alcuni decenni fa: “L’opera di Janet può essere paragonata a una grande città sepolta sotto le ceneri, come Pompei. Il destino di una città sepolta è incerto: può restare sepolta per sempre; può rimanere nascosta ed essere saccheggiata dai predoni. Ma è anche possibile che un giorno sia dissotterrata e riportata in vita.”
L’occasione per riportarla in vita fu la guerra del Vietnam. Gli psichiatri americani si ritrovarono di fronte migliaia di giovani reduci traumatizzati, da cercar di curare. Si risvegliò l’interesse per gli studi sul trauma, si finanziarono ricerche, e in questo clima anche le teorie di Janet rividero la luce, rivelandosi corrette e basi efficaci di strumenti terapeutici utilizzati ancora oggi.
“Il modello teorico di Janet – cito dall’introduzione – resiste al tempo e risulta ancora compatibile con i programmi di ricerca di molte discipline contemporanee, come la neurobiologia, le neuroscienze cognitive, la psicologia evoluzionistica, la psicologia dello sviluppo, il cognitivismo e l’etologia umana. La cosa non stupisce, dal momento che Janet nel descrivere come funziona la mente si era basato anche sui dati provenienti dall’etologia, dalla psicologia infantile e dall’antropologia culturale del suo tempo, tenendo sempre come riferimento la teoria dell’evoluzione”.

Penso alla mia formazione di psicologa. Mi sono laureata giusto trent’anni fa, attraversando un corso di laurea imbevuto di cultura umanistica e assolutamente carente di cultura scientifica. Ricordo perfettamente come la scienza venisse considerata un riduzionismo rispetto alla ricchezza e alla complessità dell’animo umano.
Da allora, fortunatamente, le cose sono cambiate, e la psicologia ha posto le sue radici nella scienza, scoprendone la meraviglia. Altro che riduzionismo!
Poggiare sempre più i piedi su un terreno scientifico è stato per me rassicurante. Mi ha dato nuovi strumenti di lettura e di pratica terapeutica.
Do il mio personale benvenuto a questo libro di cui consiglio la lettura, interessante non solo per gli psicologi: la vicenda Freud – Janet non racconta solo di teorie psicologiche in contrapposizione, ma anche di spirito dei tempi, di ideologie che oscurano la realtà.

8 pensieri su “Janet

  1. laurapozzani

    Post molto interessante. Hai stimolato la mia curiosità a cercare di conoscere Janet.. Grazie per la condivisione. 🙂

    Rispondi
  2. tramedipensieri

    Da non addetta ai lavori penso proprio che l’aspetto scientifico sia importantissimo.
    Tutto è importante per riuscire a capire e risolvere problematica legate alla psiche…
    Un libro impegnativo da considerare …nei prossimi acquisti.
    grazie

    ciao
    .marta

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      L’aspetto scientifico è davvero importante. Mi fa impressione guardare indietro e vedere quanto fosse distorta la percezione relativa alla scienza. Quanto conta lo spirito dei tempi!
      Ciao, Marta…

      Rispondi
  3. ammennicolidipensiero

    grazie per la segnalazione. lo leggero’ molto volentieri (e non solo perche’, come direbbe moretti, anche in un mondo migliore di questo saro’ sempre piu’ a mio agio con una minoranza di persone… ;))

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...