Granelli di sabbia

I territori che attraverso sono case concrete e case dell’anima, luoghi interiori e stanze d’ospedale, corpi feriti e anime provate. Ne esco carica di pensieri, a volte appesantita, a volte alleggerita. Quasi sempre con un profondo senso di appartenenza alla vita, alla comunità degli esseri umani.
Le vite che incontro mi pongono interrogativi, e siccome tendo a ragionare più per sintesi che in modo analitico, sono più portata a trovare i fili che accomunano vite tanto diverse. Trovo somiglianze nelle differenze, intrecci che avvicinano esperienze lontane tra loro, condivisioni più che contrapposizioni.
Il dolore per una disabilità, l’angoscia per una malattia che avanza e non dà scampo, la depressione per una separazione o un lutto, la fatica di fare i conti con le proprie difficoltà psicologiche… Situazioni molto diverse tra loro, ma accomunate da quegli sguardi gravi, carichi di domande, di sgomento, di paura di fronte a un percorso sconosciuto.
E pur nelle grandi differenze, in quegli sguardi io vedo l’umanità, l’essenza profonda dell’umanità, che chiede di essere riconosciuta e amata. E quando la vedi, non puoi non amarla.
Umanità nelle sue tante unicità.
“Aderire alla nostra esistenza, con tutti i suoi problemi, i suoi limiti, le sue peculiarità, è vitale (…) dovrebbe essere trasmesso di generazione in generazione insieme con le posate d’argento e i racconti popolari del tempo che fu.” Lo scrive Andrew Solomon, nel suo bellissimo libro “Lontani dall’albero”, storie di vite che hanno dovuto fare i conti con diversità importanti, a cavallo tra malattia e identità. Bambini sordi, nani, transgender, autistici e altri ancora. E le loro famiglie, catapultate in mondi sconosciuti.
“Rumi ha detto che la luce entra in noi dalla ferita. L’enigma di questo libro è che quasi tutte le famiglie di cui parla hanno finito per essere grate per esperienze che avrebbero fatto di tutto per evitare.”
E ancora: “Non è la sofferenza a essere preziosa, ma la perla che produciamo cercando di isolare il granello di sabbia che ci è entrato dentro. Della sabbia ruvida dell’angoscia non ci sarà mai scarsità.”
Ecco, questi sono i fili che si intrecciano e accomunano vite tanto diverse: i fili del dolore, del bisogno di trovare soluzioni, forze nuove, nuovi equilibri; il bisogno di sfangarla, di uscire dai tunnel, di dare senso; la necessità di cambiare quando non avresti nessuna intenzione di cambiare; il desiderio di essere almeno un po’ felici.
Pazienti malati di qualche malattia del corpo e dell’anima, individui con la loro storia unica: lavoriamo tutti per provare a trasformare in perle i granelli di sabbia che ci sono entrati dentro.

11 pensieri su “Granelli di sabbia

  1. la ragazza delle arance

    la mia vita da tre anni a questa parte è radicalmente cambiata, prima la morte di mio padre, ora la malattia di mio zio con tutto ciò che ne consegue. Ho sempre trovato il coraggio di alzarmi e lottare, l’ho fatto per me e per chi mi sta intorno, e credo che stia venendo fuori proprio una pregiatissima perla….solo col tempo si riesce a capire il senso e a percepire ciò che si sta costruendo piano piano. buona giornata

    Mi piace

    Rispondi
  2. laurapozzani

    Hai scritto come sempre cose belle e profonde. Essere riconosciuti e amati… ne abbiamo bisogno tutti, chi soffre ancora di più… a volte si passa la vita a cercare di soddisfare questo bisogno senza riuscirci… Però almeno cerchiamo di riconoscere e amare noi per primi.

    Mi piace

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Credo proprio che riuscire ad amare noi per primi sia un enorme passo, di benessere psicologico e spirituale. Amare le nostre parti ferite e arrabbiate, amare chi ci sta vicino, amare la vita…

      Mi piace

      Rispondi
  3. andreaalberti

    Incontri situazioni che non sono abituali per chi fa un lavoro “normale”.
    Il significato del granello di sabbia, che si intrufola fastidiosamente in noi ed attira un’attenzione non conosciuta. Chiama cambiamento e si amplifica in ciò che trasforma, se riesce. Possiamo non accorgercene? Vorremmo essere solidi come pietre, per trasmettere a nostra volta quanto la precedente generazione ci ha tramandato di positivo, ma la parte difficile è capire il ruvido mondo diverso da noi e che di noi ha bisogno.
    Occorre avere molta carica quando la diversità avvia una vita diversa dal normale, alla ricerca di un albero che dia appoggio e sostegno.
    Per fare un lavoro come il tuo penso serva saper trovare sinergie positive.
    Buon fine settimana!
    Ciao

    Mi piace

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Non credo che possiamo non accorgercene… Possiamo a volte fuggire da ciò che sentiamo, possiamo fare come se non avessimo sentito nulla… Ma alla fine ciò che cacciamo dalla porta rientra dalla finestra.
      Le vite diverse sono delle sfide, che possono distruggere o dare nuove forze… Ma poi, tutte le vite hanno le loro sfide… Sono sempre più convinta che non esistano vite “normali”, ma le nostre uniche e irripetibili vite.
      Buon fine settimana anche a te!

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...