I nostri fondamentali valori umani

Da Westerbork, campo di smistamento, ultima tappa prima di Auschwitz.
“Essi vanno lungo il sottile filo spinato, le loro sagome in grandezza naturale scorrono indifese sulla grande distesa del cielo. Bisogna averli visti camminare laggiù…
La loro ben forgiata armatura di posizione, reputazione e proprietà s’è sfasciata, e ora essi sono rivestiti soltanto dell’ultima camicia della loro umanità. Si trovano in uno spazio vuoto, delimitato da cielo e terra, dovranno riempirlo da soli con le loro potenzialità interiori – là fuori non c’è più niente.
Ora ci si avvede che nella vita non basta essere un abile politico o un artista di talento, la vita richiede tutt’altre cose nella miseria estrema.
Sì, è vero, siamo messi alla prova nei nostri fondamentali valori umani.”

Etty Hillesum, Lettera del dicembre 1942

“La vita qui non consuma troppo le mie forze più profonde -fisicamente si va forse un po’ giù e spesso si è immensamente tristi, ma il nostro nucleo interiore diventa sempre più forte.”
Etty Hillesum, Lettera del 3 luglio 1943

Leggo, rifletto. Coltivo il mio nucleo interiore…

4 pensieri su “I nostri fondamentali valori umani

  1. willyco

    Ieri guardavo un pezzo delle riprese a Bergen Belsen fatte dai Russi e dagli Inglesi quando arrivarono. L’operatore spesso sfuoca i corpi ammonticchiati, in una ripresa, una donna, bacia ripetutamente la mano che le ha dato del cibo. Le parole di Levi, “se questo è un uomo” investono tutto e tutti e riportano al presente. Essere svegli, per vedere attorno, temere che l’orrore bussi alle porte, fare ciò che è possibile perché non accada.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...