Senza prestigio né bellezza

Cala la notte su una giornata normale.
In “Pietr il Lettone”, Simenon descrive un inseguimento a piedi di Maigret, tra scogli e pozze d’acqua, in un percorso accidentato: “Sono momenti in cui è meglio non essere visti. Si abbozzano gesti ai quali non si è preparati, si fallisce ogni tentativo, come cattivi acrobati. Ma si avanza, diciamo così, per forza di inerzia. Si cade e ci si risolleva. Si arranca, senza prestigio né bellezza.”
Ecco, oggi mi sento un po’ così. Ho arrancato senza prestigio né bellezza. Senza lampi di luce né ondate di buio. Fatiche del quotidiano sordo, che tolgono forze senza rigenerarle. Poi è luglio e la stanchezza dell’anno si fa sentire.
E stasera son tornate pure le zanzare.
Cara estate, non sei proprio la mia stagione.

16 pensieri su “Senza prestigio né bellezza

  1. arthur

    Ma l’estate è la stagione che sta a ridosso alla rinascita, la primavera, per noi è il momento migliore per sentirci più in forma, con un colorito che sa di sano, e magari anche più stimolati a fare delle cose nuove, si passeggia di più, si corre in bicicletta, la sera si mangia seduti sul terrazzo al lume della candela (le zanzare, mannaggia… 🙂 ) e poi, dove lo metti l’odore del mare?

    Una camminata in riva al mare con la luna che si specchia nell’acqua, ci pensi che meraviglia? 🙂

    Io amo l’estate, sole mare, mare sole, l’essenza della mia natura.

    Ti ho convinta? 🙂

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      🙂 Intanto vivo a Milano, e da qui la vista non è un granché e il caldo è spesso umido 😦
      Ma a parte questo, la voglia di fare, l’energia, l’attività fisica, per me corrispondono all’autunno e all’inverno. Da settembre in poi io rinasco. I colori dell’autunno, il clima freddo, le nebbie che creano atmosfere suggestive, le luci della città che si accendono nel tardo pomeriggio… Col freddo io son piena di energia e di voglia di fare. Amo camminare per la città e sentire l’aria fredda sulla faccia. I cieli invernali sono bellissimi (non avendo il mare, ci dobbiamo accontentare), i tramonti spettacolari. Avvolta dai maglioni mi si scalda anche l’anima. Poi arriva la primavera, e le mie energie cominciano a calare. Comincio a sentirmi stanca, ad aver meno voglia di fare. Aprile è il mese più crudele, e ci ho scritto su anche un post. Il tracollo arriva col caldo. Prendo il tram per fare due fermate, fisicamente tocco il fondo. Fiacca e sudata, divento nervosa e insofferente, e il mio umore è inversamente proporzionale alla temperatura: più lei sale, più lui scende. Il mare mi rende uno straccio, e anche se mi piace, preferisco frequentarlo in altre stagioni.
      Detto questo, vedo la bellezza dell’estate, soprattutto delle serate in cui l’aria fresca addolcisce il tutto. È bella ma non la amo. Il mio cuore batte per l’autunno e per l’inverno. 🙂

      Rispondi
      1. arthur

        Beh, questa volta sei tu che mi hai convinto. 🙂 C’è un motivo per cui amo l’estate, perché amo il mare e l’estate è l’unico momento che ho per godermelo, con le escursioni sott’acqua, con le nuotate, i momenti per poterlo guardare magari verso sera al tramonto.
        Poi c’è il mare d’inverno, passeggiare sulle spiagge deserte ed è bellissimo. In realtà non ho delle particolari preferenze sulle stagioni, essendo nato in Sicilia e vivendo in Lombardia (siamo vicini a quel che leggo), sento la mancanza di temperature più miti, il caldo non mi fa paura, detesto l’umidità, così come la pioggia, ma mi adatto, poi ogni stagione ha delle cose belle, vuoi mettere l’autunno?

        E’ magico per certi aspetti.

        Evvabè!

        Torno al lavoro. Ciao e buon WE. 🙂

        Rispondi
  2. Pablo

    Bisogna saper accettare anche la normalità. Spesso il prestigio e la bellezza si pagano a caro prezzo.
    Buona notte
    Pablo

    Rispondi
  3. marco

    Quando fa veramente caldo anche lavorare o svolgere attività è veramente difficile.. L’unica è il mare! Sei della Lombardia se non sbaglio?! vieni a visitare il bel mar ligure! : )

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Vivo a Milano. Quest’anno sta ancora andando bene… Normalmente però c’è quel caldo umido che stronca.
      Certo, il mare è un’altra cosa… E la Liguria è proprio bella!

      Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Anche qui il caldo non si è fatto troppo sentire, per fortuna. Ma nonostante questo, l’estate rimane per me una stagione difficile, e la cosa peggiora con gli anni. Questo clima fresco me la rende solo un po’ più sopportabile… Ma appena sale un po’ la temperatura, il mio umore inizia a scendere…

      Rispondi
      1. harahel13

        io invece d’estate sto proprio bene! soffro più il freddo durante l’inverno! dai coraggio che quest’anno comunque di estate se ne è vista poca! 🙂

        Rispondi
  4. gardentourist

    Potrei sottoscrivere il post in pieno… mentre lo faccio, mi chiedo se sapersi cattivi acrobati sia comunque meglio di niente… un abbraccio (mancato, ritentato, sgraziato ma sincero), ciao!

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Mah, direi di sì… 🙂
      Poi per fortuna i terreni non sono sempre accidentati, e qualche camminata più aggraziata viene pur fuori… 😉
      Ricambio l’abbraccio mancato, ritentato, sgraziato e sincero! Mi ha fatto molto sorridere!

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...