La cognizione del dolore

Prendo in prestito da Gadda questo bel titolo, tuttavia non è di quel libro che voglio parlare, ma della mia esperienza di cognizione del dolore.
Ascolto storie e le accolgo come doni preziosi. In questo periodo sono molto concentrata, e aperta alla vita che -sento- mi attraversa.
Il filo rosso che mi accompagna è proprio il rapporto col dolore. Rifletto sul mio lavoro, e sull’impatto emotivo che ha su di me.
Lo posso solo ringraziare, e non solo perché c’è e mi consente di vivere, ma perché mi dà l’occasione di stare in relazioni profonde con le persone, di condividere con loro alcuni momenti, scambio di doni tra pellegrini.
Per il tratto di strada in cui i nostri percorsi si incrociano, ci scambiamo esperienze, racconti, possibilità.
Io ricevo moltissimo da loro, e cerco di essere all’altezza dei loro doni.
Ricevo la possibilità di sentirmi nel cuore della vita, di radicarmi profondamente nel terreno, di essere più libera di amare la vita, con meno paure.
Il dolore è maestro. Può distruggere o può guarire dall’angoscia di vivere.
Torno ai versi di Rilke che in questi giorni continuano a risuonare in me: la felicità non è un’ascesa…
In questi giorni io mi sento profondamente calata in me stessa, in un’intensità che non sale ma scende e risuona di note basse, che si propagano come cerchi nell’acqua, per poi risalire verso il cielo, come le voci femminili nel Miserere di Allegri, che raggiungono acuti eterei, in cui cielo e terra si incontrano e si riconoscono.
Poi vivo la mia vita quotidiana, fatta di spese al supermercato, di lavatrici, di sveglie che suonano quando vorresti dormire, di elettricisti da rincorrere per una presa fulminata. Vita normale, che però porta con sé l’altra.
Viaggiamo insieme nella partitura di una musica che si va scrivendo giorno per giorno.

4 pensieri su “La cognizione del dolore

  1. Nicola Losito

    Hai parlato di partitura di musica che si sta scrivendo giorno per giorno: in effetti ogni vita è una sinfonia dove note basse, tristi, si alternano a note alte, ariose. Una bella sinfonia si ha quando le prime non prevaricano sulle seconde e che, alla fine, la melodia sia il risultato di un equilibrio fra le due.
    Nicola

    Rispondi
  2. lucadic67

    forse aggiungerei che il dolore si sviluppa ascoltando le storie in lavori che,a seconda del campo,te lo fanno venire fuori in maniera diversa.il mio caso e’ questo:sanita’,ascolto molte persone con dolori,traumi e paure.e se avessi fatto un altro mestiere?quale dolore mi avrebbe fatto maturare?in che forma avrei sviluppato il confronto con l’altro?bha…..ciao.

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Certo, sarebbe stata un’altra storia. Impossibile sapere che conseguenze, quali pieghe avrebbe preso. Il confronto è per tutti, ovunque siamo. Credo che alla fine conti quello, e che ne facciamo del dolore, nostro e altrui.
      Ciao! E grazie per la riflessione

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...