Il dispiegarsi della vita attraverso le generazioni

Ieri ho letto un bel post di Mr. Incredible: Non c’è Due senza Tre. Parlava dei suoi tre figli, e mi ha molto colpito lo sguardo amorevole con cui li ha raccontati. In particolare il primogenito, così diverso da lui. Sguardo amorevole capace di vedere e di accogliere le differenze, prendendole per come sono, rispettandole e dando loro sostegno con quello sguardo.

Mi ha fatto pensare. Anch’io sono una figlia apparentemente molto diversa dai miei genitori, e sono cresciuta sotto il loro sguardo amorevole e accogliente, sguardo spesso disorientato di fronte a una figlia chiusa e taciturna, barricata nella sua stanza come nel suo mondo interiore, inaccessibile a loro. Eppure, nonostante non sapessero bene chi fossi, (e alcune parti di me le hanno conosciute solo ora, leggendo il mio blog) mi hanno sempre sostenuta trasmettendomi fiducia e amore.

Quello che volevo dire a Mr. Incredible è che il terreno è importante.
Siamo semi gettati in terre che possono favorire oppure ostacolare la nostra crescita. Poi ci sono gli eventi esterni che danno pure il loro contributo. Un bel seme che cresce in uno splendido terreno, ma che è investito da piogge e tempeste, avrà le sue difficoltà a crescere.

La vita di ciascuno di noi è il risultato di un’alchimia di fattori davvero complessa e misteriosa. Verso la quale bisogna avere fiducia e speranza, perché non si sa mai cosa possa nascere da cosa. Ci sono semi gettati in terreni tremendi, spazzati da venti e ostacolati da gramigne, che proprio da lì, da quelle difficoltà traggono forza per dispiegare i propri talenti. Altri che invece sotto il gelo di inverni prolungati soccombono. Ma comunque non si può mai dire, perché a volte da radici esauste rinasce pur sempre qualcosa.

Certo è che quando il terreno è buono, e dà nutrimento sano, offre basi migliori e solide su cui radicarsi per slanciarsi verso il cielo.

E ancora una cosa voglio raccontare a Mr. Incredible.

Per quanto apparentemente diversa dai miei genitori, negli anni ho capito di essere figlia dei loro talenti nascosti, di quelli che hanno avuto meno modo di sviluppare.

Vengo da una famiglia che ha messo su un’azienda partendo da zero, che ha sempre fatto i conti per far quadrare bilanci difficili, e io non ho il minimo spirito imprenditoriale, sudo sui conti che solo negli ultimi anni, per stringente necessità, ho dovuto affrontare, ma rimangono corpi estranei con cui devo convivere. Loro si sono impegnati nel mondo concreto, lì hanno realizzato le loro capacità, io mi sono impegnata nel mondo interiore, e i conti con quello concreto ho iniziato seriamente a farli dopo i quarant’anni.
Li ringrazio perché il loro impegno nel mondo concreto ha consentito a me l’impegno su quello interiore, che per molto tempo non ha prodotto reddito sufficiente a vivere bene.

Ma quel mondo interiore che io ho coltivato ha raccolto dal terreno tracce inespresse, frammenti di vita lasciati da loro, che si sono mischiati al seme che sono io, e il tutto si è mischiato con gli eventi esterni che ho incrociato, producendo ciò che sono ora.

Sento scorrere nelle mie vene anche frammenti di vita dei nonni, anche qualcosa di loro è in me: attitudini, talenti, sguardi, modi, gesti… la capacità di ascolto di mia nonna materna, lo spirito artigianale del nonno, la pazienza e l’affidamento dell’altro nonno, l’energia vitale e generosa della nonna paterna. Sono in me. E’ in me il mondo interiore di mia madre, la sensibilità di mio padre. E’ in me il crescere di mia sorella nonostante le tante avversità, oltreché l’amore per la musica che lei mi ha trasmesso portandomi ai concerti.

Penso a tutte le vite come figlie delle generazioni che le hanno precedute, figlie che raccolgono eredità e, unendole a caratteristiche individuali, le rilanciano e le rimettono nel circolo della vita.

Trovo meraviglioso questo dispiegarsi della vita attraverso le generazioni. Qui trovo il senso della mia vita, l’essere parte di un processo, un granello nell’evoluzione della specie. Mi lascia senza fiato dalla commozione.

14 pensieri su “Il dispiegarsi della vita attraverso le generazioni

  1. Andrea Magliano

    Ciao Chiara, molto bello e sentito questo post. E hai ragione. Molte delle situazioni e sensazioni da te descritte le condivido osservando il mio mondo e la mia famiglia. Personalmente mi sento spesso la pecora nera della mia famiglia. Mio padre è un tuttofare pratico, io un nientefare pratico, per dire la prima cosa che mi viene in mente. Ricercando poi la mia strada cerco il più spesso di emarginarmi da loro sperando di ottenere la mia identità di individuo. Eppure come fanno notare i miei o anche estranei, ricordo molto più i miei genitori e i miei lontani parenti nelle movenze, nelle espressioni, persino nei tic. Alla fine i figli sono lo specchio e il frutto delle precedenti generazioni, di geni e geni che si sono mescolati nel corso del tempo. Un grande saluto!
    Andrea

    Rispondi
  2. Giulietta Schiara

    Grazie, a volte i momenti di tenerezza arrivano quando meno te lo aspetti!! P.S. peccato per che su quella salita al Mezzalama – per cui ancora adesso mi sento colpevole- non sia riuscita a trasmetterti il misterioso incanto della montagna….) (Per usare un termine musicale, la mia sinfonia incompiuta.) Un bacione Giuli

    _____

    Rispondi
  3. arte64

    C’è anche un ulteriore aspetto, un’ulteriore dimensione: quella futura. Mi hai dato l’idea per un post, vediamo se riesco. Grazie. 🙂

    Rispondi
  4. Mr. Incredible

    Innanzitutto grazie della citazione. Onorato.
    Hai ragione, noi siamo quello che siamo perché ci portiamo dietro il profumo di chi ci ha generato, anche e soprattutto quello che il nostro fiuto figlio della razionalità non può percepire. Negli ultimi giorni , in un luogo nel quale mai avrei pensato di entrare, ho anche ricordato che siamo geneticamente la sommatoria di due diversità che equamente contribuiscono alla nostra specifica individualità. Un dono che ogni genitore fa di sé, insieme, per plasmare qualcosa di diverso ma uguale. Una parte di te che fluisce in qualcuno che, per giunta, amerai per sempre, non per scelta. Lo sai e basta.

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Questo aspetto della vita è proprio stupefacente. Chi dice che la scienza è arida e riduttiva non sa di cosa parla. Può essere porta di accesso per lo spirito.
      Ho letto di tuo fratello, e spero che tutto vada per il meglio, ve lo auguro di cuore.

      Rispondi
  5. andreaalberti

    Ciao,
    una profonda e coinvolgente riflessione. Ci dà forza sentirci testimoni di un patrimonio che ha superato ogni tipo di evento con le proprie radici.
    Grazie e buon weekend! A.

    Rispondi
  6. BruPhOto

    Mi piace questa riflessione.L’associazione ad eventi climatici.Credo che la mia crescita sia stata messa a dura prova da inverni gelidi e prolungati,i sogni spazzati da venti impetuosi,Le sicurezze crollate per terremoti devastanti.Ma nonostante questo ho tratto la forza da qualche spiraglio di sole…per crescere,nonostante tutto.Mi piace davvero molto questa riflessione…

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...