Tempo della terra di mezzo

Tra la fine delle vacanze e il rientro c’è un tempo strano, una terra di mezzo che non appartiene né alla terra che si sta per abbandonare né a quella che si sta per raggiungere.

È un tempo di attesa. Per noi ansiosi, è come il tempo prima di partire, prima di uscire di casa verso stazioni o aeroporti. È un tempo di inquietudine, di passaggio, dove lo stato d’animo non si può calare in un luogo preciso.

Patisco un po’ questo tempo, e vorrei affrettarlo. Qui non riesco a concentrarmi, passo da un’attività ad un’altra, senza esserci per nessuna.

Allora, tanto vale finire di pulire i mobili della cucina: quei lavori radicali, in cui svuoti mobiletto per mobiletto, butti via quel che non serve più, lavi e rimetti tutto dentro in bell’ordine. E poi rimiri l’opera, che è poi il momento di maggiore soddisfazione. È anche un’attività meditativa: lo zen e l’arte di pulire la cucina. Funziona anche con la pulizia del bagno. (Per me non funziona con il cambio di stagione negli armadi, attività che detesto e che mi richiede dosi massicce di autocontrollo e di continue ripetizioni di mantra per evitare di scaraventare tutto fuori dalla finestra).

Comunque, ieri ho letto questa frase di Etty Hillesum: “…e le forze si rigenerano a ogni piccolo compito di cui mi faccio carico”.

I compiti imbrigliano le energie vaganti, offrono contenimento alla libertà dispersiva. E l’assunzione di responsabilità ci radica nella vita, nella realtà.

Il quotidiano non è sempre così rigenerante, ma forse a volte dipende anche dallo spirito con cui lo viviamo: ci tira giù se siamo in rivolta contro di lui, o se non riusciamo a metterci nulla di nostro.

Tant’è. Oggi l’attività zen di pulizia ha svolto la sua funzione, ha raccolto l’inquietudine e l’ha fatta scorrere. Ora posso tornare con più concentrazione al mio libro.

4 pensieri su “Tempo della terra di mezzo

  1. Manuel Chiacchiararelli

    Fare le piccole cose aiuta, come dice la frase che hai menzionato.
    E poi anche io non riesco a rilassarmi completamente se non è tutto lindo e perfetto…forse perche occupandomi della casa faccio anche la pulizia di cattivi pensieri?

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...