E’ del poeta il fin la meraviglia… e non solo del poeta…

Nel magazine “La lettura” del Corriere della sera del 23/12 ho letto un articolo interessante: “La meraviglia è un ansiolitico naturale“. Vi riporto qui alcuni passaggi che ho trovato significativi.

“Oltre la soglia della meraviglia c’è lo sbigottimento che lascia senza parole. Oltre lo sbigottimento c’è un sensazione enigmatica, sospesa tra il timore reverenziale e l’estasi. Il tempo rallenta, i confini tra il sé e il noi diventano labili, la natura spalanca la porta al trascendente. Se qualche volta vi siete sentiti minuscoli di fronte alla vastità del mondo o ai misteri della vita, allora avete provato questa emozione. Gli anglosassoni la chiamano ‘awe’, in italiano non ha nome.”

In uno studio pubblicato su Psychological Science, i ricercatori hanno mostrato a dei soggetti “immagini allegre oppure sorprendentemente maestose. Chi osserva queste ultime, nei test si dimostra meno impaziente, più spirituale e collaborativo. La meraviglia attenua l’ansia per il tempo che fugge“.

Cosa ci succede quando ci sentiamo rapiti?   “…siamo insieme delle creature individuali e sociali, api e alveari. Ecco, la natura a volte sa suscitare una meraviglia totale e spiazzante. E’ come un pulsante che scatta, portandoci nella modalità collettiva e facendoci sentire parte di un tutto. I rituali estatici, in cui il gruppo sintonizza i battiti diventando un unico grande organismo, funzionano anch’essi da interruttore. Così si spiega la potenza delle grandi manifestazioni, dei rave party, delle iniziazioni. (…) Chi parte zaino in spalla per viaggi solitari fuori dalle rotte più battute, magari non lo sa, ma è un cultore della meraviglia.”

“La meraviglia estrema non suona come un ‘wow’, è piuttosto un ‘oddio’, o meglio ancora un silenzio.”

Le emozioni, generalmente, ci predispongono all’azione: “La rabbia ci prepara a combattere, il senso di colpa a chiedere scusa. Lo stupore, invece, ci congela. Tutto ciò che vogliamo è stare fermi, ad occhi spalancati. E’ una specie di emozione cognitiva, che ci apre a nuove idee, ci trasforma.”

Ha scritto Albert Einstein in Il mondo come io lo vedo: ‘L’emozione più bella che possiamo sperimentare è il mistero. E’ il potere della vera arte e della vera scienza. Chi non conosce questa emozione, chi non si può più fermare per meravigliarsi e sentirsi rapito, è come se fosse morto.’

E conclude così la giornalista: “Non sono solo le cattedrali più imponenti o la grande musica che compiono questo miracolo emozionale. Se si è in grado di coglierne davvero il significato, si può restare sbalorditi anche davanti alla grandiosità di una teoria scientifica, che racchiude in una formula il funzionamento dell’universo.”

Trovo bellissima questa riflessione: umanisti e scienziati, siamo tutti sotto lo stesso cielo stupefacente. La meraviglia è sotto i nostri occhi, sempre. Dobbiamo solo essere in grado di vederla e di aprirci a lei perché ci possa attraversare.

7 pensieri su “E’ del poeta il fin la meraviglia… e non solo del poeta…

  1. tramedipensieri

    In parte riesco ancora a meravigliarmi e stupirmi di tante cose: natura, arte, musica ma soprattutto della bellezza della natura.
    Le emozioni che suscita un mare in tempesta, il cielo che si fa carico di nuvole…e all’improvviso un raggio di sole….
    Buona giornata e buon 2013 a tutti!

    .marta

    Mi piace

    Rispondi
  2. Manuel Chiacchiararelli

    Bell’articolo, grazie di averlo condiviso con noi .
    Penso che il tutto è racchiuso nelle parole di Einsten: chi non sa meravigliarsi, chi non sa stupirsi, è come se fosse morto.
    Bisognerebbe tornare a stupirsi con l’innocenza dei bambini …

    Mi piace

    Rispondi
  3. sguardiepercorsi Autore articolo

    È un tema molto caro anche per me. Senza meraviglia, senza stupore, la vita sarebbe insopportabile. È molto bella la riflessione della Szymborska: grazie per avermela riportata.
    … E buona giornata stupefacente anche a te!

    Mi piace

    Rispondi
  4. goccedisabbia

    Mi è molto caro il tema dello stupore. E c’è una poetessa alla quale attingo continuamente che ne è, per me, con i suoi versi, testimone:
    “Il mondo, qualunque cosa noi ne pensiamo, spaventati dalla sua immensità e dalla nostra impotenza di fronte a esso, amareggiati dalla sua indifferenza alle sofferenze individuali […], qualunque cosa noi pensiamo dei suoi spazi trapassati dalle radiazioni delle stelle […], qualunque cosa pensiamo di questo smisurato teatro, per cui abbiamo sì il biglietto d’ingresso, ma con una validità ridicolmente breve, limitata dalle due date categoriche, qualunque cosa ancora noi pensassimo di questo mondo – esso è stupefacente. […]” W.Szymborska.
    Buona giornata stupefacente!
    lilliana

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...