Arrendersi alla vita

Arrendersi è complicato.

Bisogna mollare là dove cerchiamo di rimanere aggrappati e tener duro là dove vorremmo mollare.

E’ importante cercare di far qualcosa delle crisi che viviamo, dei momenti difficili. Non devono passare invano, senza lasciare insegnamenti, trasformazioni. In questo senso bisogna trovare le energie per non scoraggiarsi, per essere concentrati e focalizzati: bisogna camminare, andare avanti raccogliendo forze finalizzate.

Nei momenti di crisi spesso cerchiamo la fuga, vorremmo non pensare e poter solo alleggerire il carico. Ci diciamo che siamo stanchi, che dobbiamo pur riposare. Ma se il riposo è una fuga, e non un autentico bisogno di fermarsi, il risultato è uno stato d’animo depresso, e per nulla riposante. Non è una strada percorribile.

Bisogna arrendersi a quel che c’è. Al malessere, alla stanchezza, alla preoccupazione. Se la strada ora passa da lì, dirselo e accettarlo fa stare meglio. C’è quel che c’è, è il motto.

Ciò che produce malessere è la voglia di fuga, di scrollarsi di dosso il fardello. Ciò che produce benessere è il piano di realtà, starci dentro, affrontarlo.

Dunque mollare, e tener duro.

Come quella preghiera: “Mio Dio, dammi la forza di accettare quel che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quel che posso cambiare, e la saggezza per cogliere la differenza.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...